Le Luci Della Centrale Elettrica

Ci sono dischi che rimangono nel cuore, altri che si dimenticano dopo pochi minuti. Poi ci sono quelli che hanno il potere di fotografare in maniera limpida e assoluta un preciso momento: la vita di tante persone. Canzoni da spiaggia deturpata, l’esordio di Vasco Brondi aka Le Luci Della Centrale Elettrica è uno di questi: accorato, potente, ispiratissimo. Commovente.

anche su youtube

Quando Pronti Al Peggio si muove in macchina si discute sempre sul cd da mettere nell’autoradio: c’è quello che vuole la disco, chi ama il rap, quello dell’elettronica minimale. Le Luci Della Centrale Elettrica mette tutti daccordo, se non l’avessimo avuto nel lettore al ritorno da quel viaggio da Bologna saremmo sicuramente andati dritti in qualche curva. E invece eccoci a urlare a squarciagola cose come: faremo dei rave sull’Enterprise farò rifare l’asfalto per quando ritornerai.

anche su youtube

Questa sera Vasco si riposa da una serie incredibile di sold out: il Magnolia qui a Milano la sera precedente, il covo a Bologna qualche giorno prima. Preferirebbe andare a cena con la sua ragazza, ce lo dice senza tanti complimenti, e invece eccolo qua con la chitarra a tracolla sballottato nella periferia milanese più fredda e umida che si possa immaginare. Metanopoli è avvolta nella nebbia, ogni tanto si intorpidiscono le dita dal freddo, altre volte è l’emozione a prendere il sopravvento, come quando la voce è coperta dal rombo degli aerei che atterrano come vere e proprie astronavi. L’Enterprise appunto.

anche su youtube



condividi con facebook condividi con twitter Bookmark and Share

Questo post è taggato

01/12/2008 19 Commenti
commenta - trackback

commenti (1)